Salute: Transgenics senza paura, il libro che ho sempre voluto scrivere.

Ha preso tre tentativi precedenti a Destino ed un altro precedente in un altro editoriale, ma infine il libro che ho scritto con più desiderio e entusiasmo esce dalla strada (naturalmente senza perdere alcuna delle precedenti). “Trasgenici senza paura”. Dopo 20 anni di ricerche, di discorsi, di scrittura di ricerche e di articoli informativi e di conoscenza degli scienziati più rilevanti in questo campo, posso finalmente tradurre tutto ciò che lavoro e l'esperienza in un libro popolare. È già qui “Transgénicos sin Fear”. Il libro ha due parti, una in cui parlo della tecnologia e spieghi che cosa è, da dove proviene e per che cosa è e un altro in cui affronto l'intero dibattito sociale e l'opposizione agli OGM, cercando di non evitare qualsiasi questione il dibattito.
Passa un frammento dell'introduzione:

Una cosa è certa. La parola “transgenica” sembra fatale, quasi altrettanto male come “nucleare” o “tossico”. Quando si vede una storia nella stampa dove appare la parola “transgenica” o il suo sinonimo “organismo geneticamente modificato”, nella maggior parte dei casi parlerà di rischi, di pericoli o di rifiuto sociale. Lo stesso accade quando si desidera informarsi e cercare un libro o un blog che parli del soggetto. Nella maggior parte dei casi troverai informazioni molto preoccupanti sui rischi per la salute o sull'ambiente. Abbiamo visto alcune organizzazioni che fanno campagne molto aggressive contro questa tecnologia che includono immagini di patate trasformate in scorpioni, campi coltivati ​​devastati o il boicottaggio di aziende che vendono prodotti che includono transgenici. Abbiamo visto anche città o regioni che si dichiarano libere di transgenici o l'emanazione di leggi per fermare lo sviluppo di questa tecnologia. A livello personale, quando dici che sei uno scienziato, la gente ti mostra solitamente un certo rispetto con un punto di ammirazione, soprattutto perchè in Spagna abbiamo poche rispetto ad altri paesi e la rarità è sempre alta. Tuttavia, quando si dice che si lavora con piante transgeniche, si perde tutto ciò che aveva acquisito nel riconoscimento sociale in un colpo, e tu non sei così bello come prima. Quello dei transgenici suona molto male. Il problema è che se si chiede perché un transgenico è cattivo e quali problemi crea, la gente è difficile trovare una risposta abbastanza coerente. E infatti, sorgono domande scomode. Se questa tecnologia è così male e crea tanti problemi, perché viene ancora utilizzata? Non sarebbe più facile proibirlo? O meglio, se fosse così male, nessuno vorrebbe usarlo. Nella vita, come nei buoni romanzi, le cose non sono in bianco e nero e spesso i cattivi non sono così cattivi come quelli dipinti, né i buoni, così buoni. Gli OGM non sono altro che una tecnologia che, come tutto, ha un'utilità: ci sono alcune cose per cui serve e altri per cui non lo è. E come tutto, una tecnologia non è una cosa cattiva o buona per sé, tutto dipende dall'utilizzo che fai. Tuttavia, in questo caso particolare, le informazioni che circolano parlano molto dei suoi problemi (reali o inventati) e poco sui suoi vantaggi. Abbiamo anche un problema aggiunto: sugli organismi geneticamente modificati abbiamo sentito parlare molto di politici o di attivisti e poco di scienziati che hanno creato un problema comunicativo che ha favorito la diffusione della paura e delle notizie allarmanti che molte volte non sono vere Parlare di transgenici e non dire che cosa il pubblico spera di sentire non è senza i suoi rischi, come la ricezione di minacce di morte o di dover lasciare scortati da qualche discorso.

DBQJ0ocXUAEf4Dt e il comunicato stampa: “Oggi non potremmo vivere senza OGM. Le persone che avvertono i supposti pericoli di transgenici, conoscono veramente quello che sono. Infatti molte t-shirt con la leggenda “Non voglio transgenici” sono realizzate con cotone transgenico. I cibi transgenici sono i più valutati nella storia, quindi se abbiamo chiesto gli stessi controlli sui cibi non GM, dovremmo svuotare i supermercati. La migliore prova che la paura è infondata è il numero di applicazioni che utilizziamo ogni giorno in base a questa tecnologia. La paura dei transgenici è il risultato di cattive informazioni “.

E qui un'intervista a Pepa Fernández parlando del soggetto.
Intervista a José Miguel Mulet

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *